LE RUBRICHE DI MARTA: SINGLE E FELICE (ma non troppo) #37

tulip-1320559_960_720

  • No, Amica, non puoi capire, a sto giro veramente no. Cazzo no.
  • Eccola, parti male, respira a fondo, siediti, respira ancora…
  • Fai una giravolta e salta ‘naltra volta?
  • E ma… Va che non vai bene così eh!? Non puoi fare la donna con il ciclo quaranta giorni al mese.
  • Non posso No. Certo che no. Novembre ha solo trenta giorno.
  • Era per dire Amica, passamela.
  • Cosa?
  • No vabbè, non ci siamo, Zia, non ci siamo!
  • Mi stai dando della vecchia? Mi chiami Zia per questo?
  • No ti chiamo Zia perché una vocina mi ha detto che a sto giro c’è un debole su Milano, e pare che là si usi spesso chiamare zia un’Amica.
  • Si, ma qui siamo a Bergamo e zia vuol dire un’altra cosa se detto così.
  • Va bè, lasciamo perdere. Dimmi cosa c’è che non va.
  • Ma no niente… Volevo fare quella tutta sexy e femme fatale, ma ho fatto ridere… Che poi non è una cosa brutta, cioè insomma, lo sai no, come sono?
  • Si lo so, a volte parli ad cazzum.
  • Esatto…
  • E niente praticamente mi ha detto che gli facevo venire i brividi.
  • COSA GLI HAI RISPOSTO?
  • Vestiti se hai freddo.
  • No Marta, Cazzo no.
  • Vedi? Io e te siamo proprio amiche, reagiamo nello stesso modo.
  • Si, ma no. Non va bene. Ehi bella! Non è che se non sai cosa dire devi ripetere quello che ho detto io, eh.
  • Va beh. Cioccolata?
  • Si dai, aspè, chiudo la giacca perché fa freddo…
  • Eh già prima che ti vengano i brividi.
Pubblicità

LE RUBRICHE DI MARTA: SINGLE E FELICE (ma non troppo ) #36

tulip-1320559_960_720

  • A sto giro il ‘ma non troppo’ lo toglierei…
  • Oddio, parte tragica, qui mi tocca fare uno sforzo sovrumano per arrivare al vero nocciolo della questione.
  • Senti, non è per fare la tragica, ma io veramente questi uomini non li capisco, io davvero è meglio se mi metto l’anima in pace, se abbandono ogni illusione mentale che potrebbe portarmi verso una qualsivoglia relazione, no davvero, basta io non ce la posso fare.
  • Ora. Spiegami passo passo cos’è successo, svisceriamo il problema insieme, qui ed ora, e vedrai che potremo andare oltre.
  • In questo momento vorrei sviscerare ben altro rispetto a quello che tu chiami “problema” mentre io chiamo semplicemente idiota. Forza, conserva le lettere per argomentazioni più importanti rispetto a sta cosa, e vedrai che passerai anche da da problema ad idiota, ben due lettere di meno.
  • Si però anche tu eh, sei pedante.
  • Sentimi bene. Io non sono pedante. Allora, tanto lo so che finché non saprai tutto non t’arrenderai, quindi bene, ti spiego.
  • Ehi. Già che ci sei, sai anche che quando dici tutto intendi un tutto in maniera generica, non un tutto visto solo dal tuo punto di vista.
  • Si.
  • Si, cosa?
  • Si, ho capito. Comunque… Lui ha paura tanta quanta me, e questo è un dato di fatto. Lui non vuole uscire, o meglio, lui vorrebbe ma fa progetti a lungo termine, mentre nel breve termine il nulla assoluto, accampa scuse, plausibili o meno.
    Ecco.
    Il problema è esattamente questo.
    Con me sta bene, si diverte, ma quando gli chiedo di uscire una sera qualunque lui dice no. Che non può che preferisce dedicarmi una giornata intera quando voglio io.
    Quando gli dico che va bene, scelgo il giorno, propongo un posto, ecco che dice che non accetto quello che propone.
    Ecco, questo è tutto.
  • Aspetta, quindi?
  • Quindi cosa? Mi conosci, dovresti già essere arrivata alla conclusione del mio discorso.
  • No aspetta. Non dirmi che ti sei stancata di seguirlo e che adesso non lo consideri più, che lui ti ha detto che gli manchi ma che tu sei già arrivata alla fase “della corda ormai spezzata”, ti prego dimmi che non è così…
  • Se ti fa piacere te lo dico.
  • No cazzo! Marta! Lui ha paura tanta quanta te, quindi prova ad insistere.
  • Ok, insisto a modo mio però…
  • Fa un po’ come ti pare… No aspetta, cosa intendi per ” a modo mio”?
  • Numero eliminato, adesso provo ad eliminare la persona dalla testa, giriamo pagina e che se li risolva da solo i suoi problemi, non sono il suo almanacco…
  • Ma Amica no…
  • Sentimi bella mia! Tu sei la mia Amica, tu dovresti patteggiare per me, tu dovresti consolare me, e non approvare le scelte a lungo termine di un pauroso qualunque. Basta mi sono stancata. Chiudo perché devo continuare a piangere e recriminarmi per capire dove ho sbagliato e perché…
  • A che ora hai detto che vai a pattinare… Bella Amica!

LE RUBRICHE DI MARTA: SCRITTO A MANO #87

87

LE RUBRICHE DI MARTA: SCRITTO A MANO #84

84.jpg

LE RUBRICHE DI MARTA: SINGLE E FELICE (ma non troppo) #35

tulip-1320559_960_720

  • “Ma se fossi in lei cercherei di vestirmi in maniera più elegante.”

  • “Ma se fossi in lei mi fare una bella spaghettata di affari miei, così, giusto per esprimere il mio umile punto di vista”

  • “Lei è permalosa.”

  • “Sì è vero, e tra l’altro non le ho chiesto niente.”

-Ecco Amica, mi dava del Lei e mi ha detto che non mi vesta in maniera abbastanza elegante.
-Aspetta fammi capire, come ti sei presentata?
-In tuta e scarpe da ginnastica, come mi dovevo presentare?
-Amica, Ma Cazzo!
-Ma cosa? Dai, oh! Ma che droga hai preso? Cos’ho fatto di sbagliato? E’ una palestra!
-Amica, quella è LA palestra.
-Eh, quindi? Cambia l’articolo. Ma come ci dovrei andare secondo te? No fammi capire, perché qui stiamo delirando, qui si stanno cambiando i ruoli! Generalmente la stordita sono io, com’è che a ‘sto giro sei in vantaggio?
-Allora bella mia! Parliamoci chiaro, alla prossima offesa giro i tacchi anzi, giro le scarpe da ginnastica e me ne vado, ok? Chiaro.
-Punto due. Vuoi fare la diva, la non plus ultra e vai ad iscriverti nella palestra dei vip, dove ogni rata costa quanto la dentiera nuova di mia nonna, vuoi fare la super e poi come ti presenti?
-Io non capisco. In palestra ci vado in tuta, ci vado per fare esercizi, per eliminare tutti questi calamari fritti che mi sono mangiata in vacanza e che adesso salcazzo per quale strana formula chimica si sono trasformati in grasso, ciccia, sì lo so, si dice ADIPE, ma tanto mi hai capita lo stesso, no?
-Acida. Vuoi un cioccolatino? Così fa compagnia a quei calamari lì, che caspita, c’erano solo quelli da mangiare? No, perché mi sa che ne hai mangiati veramente tanti, ora, considerando la massa cubica che possono occupare…
-Quando hai finito fammi un fischio…
-Ehdai! Fattela ‘na risata. Lo sai cosa devi fare? Cambiare palestra, lì si va per rimorchiare, le ragazze sono tutte uguali vestite allo stesso modo, i ragazzi invece sempre uguali ma svestiti. Forza Amica! Hai sbagliato solo una cosa.
-Uff. Mi impegno, parto con i buoni propositi e poi…
-Dai, mangia un cioccolatino con me.
-No. Poi divento tutta ciccia e brufoli!
-Non era mica il salame a causarti un’eruzione spropositata di bubboni?
-Stronza. Dovevi dirmi che sono bella lo stesso.
-Io sono la tua Amica, quella sincera, mica la tua dolce metà.
-Dai, dammi un cioccolatino.