IO mi auguro.

Ho deciso di farmi un regalo.
In realtà in questi giorni mi sto facendo parecchi regali, ma questo è frutto della consapevolezza.

Io che mi addormento davanti ad un film.
Io che piango con la qualunque. Sì anche con quelli che sembrano palesemente divertenti io piango.
Io che.
Io
Io
Io
È tempo di buoni propositi, o forse solo propositi.
Per il nuovo anno ho deciso di non fermarmi agli stereotipi, di superare i pregiudizi, di affrontare le mie debolezze.
Una per volta.
Per prima cosa nella mia lista dei desideri ci voglio essere io e soltanto IO.
Sbaglio? Forse, ma prima ci devo provare.

Ecco.

Sono andata al cinema, doveva essere un film divertente, la scelta è stata – per compatibilità di orari – BOHEMIAN RAPHSODY.

Certo. Niente a che vedere con l’idea di partenza, ma del resto è quasi sempre così. Tu parti con un’idea e poi le circostanze la stravolgono.

Ecco.

Uscita dal film, è inutile dire con gli occhi gonfi in stile panda, mi sono resa conto che io di Freddy Mercury non sapevo un accidenti.
L’ho giudicato senza sapere.
Mi sono fermata, letteralmente, perché dovevo finire la sigaretta e ho pensato a quante volte ho sputato sentenze senza sapere.
Ho sbagliato. O forse queste esperienze mi sono servite per diventare la cazzara che sono oggi.
Non so, può darsi, o forse no.
So soltanto che è giunta l’ora di fare una curva, scelgo di mettere al primo posto della mia scala del valori IO E SOLTANTO IO.

Ecco.
Ah! Il regalo. Che mi sono fatta è un’agenda, dove tenere traccia dei miei progressi, dove svuotare il mio cassetto dei sogni, dove organizzare quello che – MI AUGURO – voltandomi indietro il trentuno dicembre duemiladiciannove dirò: ERO e NON SONO PIÙ.

Bell’idea?!?

Pubblicità

CAPITA, UNA VOLTA L’ANNO.

birthday-1795690_960_720

Oggi va così.

Non so se essere felice o no.

Invecchio.  Anzi, divento grande.

Ora, sono due modi diversi di vedere la stessa cosa, ma si sa, io sono fatta così. Tendo a sorridere, sempre e nonostante.

Nonostante quello che non trova il tempo per rispondere ad un messaggio.

Nonostante ci siano persone che non vedo da una vita.

Nonostante abbia iniziato un nuovo percorso sportivo e non riesca a muovermi, acido lattico maledetto.

E poi c’è di che essere felice.

Oggi mi posso comprare quello che voglio. Stasera vado a comprarmi il novo kobo, è un po’ che l’ho adocchiato, ma ancora non ho avuto il coraggio di dire “Ok, lo compro!” arrivavo fino a Ok e poi non andavo avanti.

Una pazza.

Sembravo una pazza.

Girare la Mediaworld immaginando di uscire con il kobo tra le mani senza rendere reale la cosa.

Io lo so che può sembrare una stupidata, ma per come sono fatta io, ogni acquisto dev’essere ponderato.

E quindi niente.

Oggi sono felice.

Auguri a me.

Brava Marta.

Comprati il kobo nuovo!

 

Tag – buoni propositi (un anno dopo)

tag

Grazie ehipenny!! A me piacciono un sacco questi TAG!! 🙂 🙂 🙂

Allora, premetto di essere una persona dalla memoria molto labile, nonostante stia disboscando gli oceani a forza di mangiare pesce, nulla, non mi dimentico come mi chiamo perché sono gli altri a ricordarmelo.

Quindi, detto questo, vi informo che probabilmente i propositi non sono esattamente uguali a quelli annunciati ad inizio 2015… e poi non avevo ancora il blog, quindi…

Partiamo con un altro divertentissimo TAG! Le regole sono quasi sempre le stesse e nello specifico sono:

– Inserire la foto del TAG che trovate qui sopra celo
– Citare l’ideatrice del TAG: http://www.Evoichenepensate.com celo
– Citare e ringraziare chi vi ha taggati ehipenny celo
– Nominare altri blog ed avvisarli della nomina CHIUNQUE VOGLIA PARTECIPARE

Sicuramente ad inizio 2015 avevo in mente di:

  • FARE UNA DIETA
  • SCRIVERE (PUBBLICARE) UN LIBRO

Sono certa, che questi due erano obiettivi prefissati, la sicurezza mi viene dal fatto che era qualche anno che ci pensavo, quindi sicuramente ne facevano parte.

Altri altrettanto importanti non ne ricordo, forse non ne avevo pensati o forse erano futili obiettivi prontamente raggiunti.

Oggi, un anno e qualche giorno dopo posso dire di poter depennare entrambi gli obiettivi dalla mia lista mentale del “To Do”…

La dieta sta andando bene (incredibile!!!!)

E il libro è pubblicato.

Bene, ora, mi concentro sugli obiettivi del 2016…

COLAZIONE

immagine presa dal web

immagine presa dal web

La colazione per me è un momento sacro… Ma dipende da dove sono..

Purtroppo ho una limitazione piuttosto pesante nella capacità di svegliarmi alzarmi connettermi con il mondo.

Se sono in vacanza nella sala della colazione mi presento stile zombie…

Occhiali scuri calati sugli occhi ( e non è per fare la “di più” ma per poter tenere gli occhi chiusi ancora cinque minuti…), molletta tra i capelli, ed i primi vestiti che mi sono capitati tra le mani.

E… mangio, mangio, mangio… assaggio la torta e faccio scaldare il panino, testo le marmellate e prendo uno yogurt, assaggio i succhi di frutta ed assaporo il caffè per poi puntualmente lamentarmi perché non ha niente a che vedere con il caffè della moka di casa mia.

Quando invece sono a casa e devo scattare al lavoro la colazione consiste in un bicchiere di caffè e basta, tre biscotti da portarmi al lavoro per il secondo caffè.

Non so per quale motivo, ma io a casa non riesco a godermi questo momento tanto rilassante.. eppure con l’ avvento dei supermercati potrei acquistare tutto il necessario e farmi la colazione dell’ hotel comodamente seduta al mio tavolo…

Non mi sono mai spiegata perché in vacanza riesco a fare colazioni tanto abbondanti mentre a casa a fatica bevo il caffè…

Mi devo impegnare.. tra poco finirà quest’ anno solare.. e come tutti gli anni mi riempirò il cervello con buoni propositi.. che poi puntualmente dimentico dopo quindici barra venti giorni…

Marta!impegnati! solo così potrai arrivare a dei risultati…!!!