LE RUBRICHE DI MARTA: 3 BUONI MOTIVI PER… CONTARE!

wp-1477745318810.png

Sono incoerente? Sì, embhe?!?

Qualche giorno fa lamentavo il mio disappunto nell’applicazione delle statistiche in ambito letterario, oggi esclamo a gran voce (scrivendolo in stampatello) che esistono tre o forse più buoni motivi per contare.

Come nella matematica, hai presente? Uno, due tre.

Sono tanti i momenti nella vita di un individuo qualsiasi in cui contare conta, è anche vero che sono altrettanti in cui nonostante tu sappia contare non conti nulla, ma questo è un lato della medaglia che a me non piace sottolineare, e quindi evito di parlare.

  • Prima di far partire l’insulto, svegliare la scimmia, dare libero sfogo all’ira, contare serve.
    Serve, fidati che serve.
    Ieri ero imbestialita perché pensavo che qualcuno in ufficio si fosse appropriato ingiustamente del mio evidenziatore verde, ho imprecato, poi, ho spostato la borsa ed eccolo lì.
    Solo.
    Abbandonato.
    Incapace di usare la parola l’ho ritrovato e l’ho rimesso vicino a quello rosa.
  • Prima di partire per una qualsiasi vacanza prendete carta e penna e mettete per iscritto le presunte spese, contate, e vedrete che riuscirete a permettervi anche quel paio di scarpe che… almeno spero!
  • Prima di addormentarvi contate le pecore. E’ un modo semplice, economico, divertente, per prendere sonno… Poi ci sono io che anziché contarle le immagino durante una sfilata: la pecora con il burka, quella con il bikini, quella con la gonna lunga e…altro che dormire, mi faccio certi film…Maledetta fantasia!

Insomma.

Poco fa ho elencato tre esempi di come contare sia importante.
Forse è solo autoconvincimento, forse non è esattamente così, ma a me piace pensare che lo sia!

Pubblicità

LE RUBRICHE DI MARTA: 3 BUONI MOTIVI PER… (SMETTERE) DI FARE ORDINE!

wp-1477745318810.png

Sono di parte perché sono una persona disordinata nell’anima, in senso buono eh! O almeno lo penso io, che non so se è lo stesso pensiero che rifletto sugli altri, ma almeno io lo penso.

Dicevo.

Io sono disordinata nella vita, non esattamente in tutto, ci sono “sezioni” in cui riesco a rispettare una certa disciplina, la dieta per esempio, perché raggiungo risultati, ma in tanti altri ambiti sono una persona disordinata.

Lo puoi notare in tante cose.

Quando parlo sono in grado di seguire un labile filo logico che spesso ( ma non sempre volentieri) è logico solo per me, ho pensieri disordinati.

Se scegli di salire sulla mia macchina, perché ahimè lo scegli, certo, non ti faccio sottoscrivere nessun testamento o autocertificazioni, ma in ogni caso è una scelta, devi essere consapevole che potresti venire a contatto con oggetti che no, mai ti aspetteresti di trovare nella macchina di una ragazza, non pensare male, ho una macchina disordinata.

Laddove tu decidessi di entrare in camera mia saranno problemi esclusivamente tuoi per, nell’ordine ma anche no:

  • Trovare un posto comodo dove sederti;
  • Smetterla di provare imbarazzo per l’enorme quantità di vestiario che popola ogni spazio libero della stanza;
  • Non lamentarti se in seguito ad un piccolo movimento la tua caviglia sbatte inavvertitamente contro un libro che sbuca innocuo da sotto il letto.

Essere una persona disordinata mi permette di:

  • Scegliere di fare ordine come e quando voglio. Dimentico il se;
  • Essere coerente con me stessa, disordinata nel pensiero, disordinata in tutto il resto;
  • Permettere a ricordi sepolti chissà dove di riaffiorare in una giornata qualunque.

Potrei continuare ore.

Sono in grado di trovare giustificazioni più o meno razionali in merito all’argomento, ma preferisco smetterla, devo finire di lavare la macchina, e domani piove. #maiunagioia.

 

LE RUBRICHE DI MARTA: 3 BUONI MOTIVI PER…VIAGGIARE!

wp-1477745318810.png

Solo tre???

Il primo dei pensieri che affiorano nella mente è sicuramente questo…

“Oggi niente sforzi, di motivi ne ho ben donde, altro che tre!”

E invece no.

Il primo viaggio è quello mentale, poi ci sono io che perdo le coincidenze e resto nel mio mondo incantato.

Si è vero, esistono moltissimi motivi per fare un viaggio, esistono milioni di giustificazioni più o meno valide che ti permettono di staccare la spina, staccare il cervello e ciano mondo!

  • Viaggiare ti permette di allargare gli orizzonti, aprire la mente e tenere chiusa la bocca. Si esatto! E’ proprio così, più hai orizzonti larghi più riesci ad essere tollerante ed evitare scontri controproducenti.
  • Viaggiare ti permette di spendere quei quattro soldi che ti sei sudata con fatica, è vero, la soddisfazione di fare un viaggio programmato, a lungo immaginato a volte vale più del viaggio stesso.
  • Viaggiare, lo puoi fare anche solo con la mente, fai come me, immagina un posto da favola, il posto che tu consideri un paradiso, ecco la prossima volta che discuti con qualcuno immagina di essere da tutt’altra parte, vedrai una sensazione di pace temporanea pervaderà il tuo essere, salvo poi aver maggior carica per rispondere e reagire ad un vario ed eventuale attacco.

Viaggiare.

Quante canzoni hanno come argomento questo verbo? Prova a pensare, sono tante eh?!?

 

LE RUBRICHE DI MARTA: 3 BUONI MOTIVI PER…MANGIARE IL GELATO!

tulip-1320559_960_720

Che poi a me queste frasi fatte piacciono un sacco.

Che poi non si inizia MAI un frase con che.

Che poi, mai dire mai.

Bene.

Dopo la Perla posso iniziare ad esprimere il mio parere.

Gente!!! Siamo in estate! No aspetta, intendo che siamo nella stagione. A livello meteo è un po’ che ‘sta estate ha rotto, e sudi, e fai la doccia, e risudi, e poi puzzi, e poi ti rilavi, insomma, passiamo la maggior parte della stagione a togliere strati e strati d’epidermide… E poi dicono che l’estate smagrisce! E ti credo!

Comunque.

Navigando tra i vari argomenti di questa stagione troverai: Cibo+prova bikini.

Ora.

Danno per assodato che non tutta la popolazione al mare ci vada in estate, è cosa nota che in questa stagione ci si svesta, è cosa assodata. Ma il cibo, parliamo di cibo.

Amo l’estate perché…che poi più che amore è una sorta di “me la faccio piacere perché devo, ma non è che voglio…”

Tanti possono essere i punti a favore, altrettanti quelli a sfavore:

  • In estate riscopro gusti di gelato che mai avrei potuto immaginare…a volte li assaggio pure.
  • Il gelato è un pasto, insomma mi tolgo uno sfizio e non rovino la dieta.
  • Il gelato lo mangi dove vuoi..certo anche lo street food, tanto di moda, ma vuoi mettere un cono gelato a confronto con un pollo allo spiedo?!? 

Insomma, golosa quale sono, porei stare intere ore a raccontare storie infinite sul perché per me vige la regola GELATO SÌ,ma no, non lo faccio. È ora di pranzo. Caspita con sto caldo cosa potrei mangiare?!?…mmmm… vediamo…

SINGLE E FELICE (ma non troppo) #18

tulip-1320559_960_720

(Allora! Dopo il nonno con il cappello c’è il cubano con il sigaro! Porca vacca!!Arriverò sicuramente in ritardo!)

  • Hai sbagliato strada? No dimmelo! Perché non puoi aver sbagliato strada, ancora! E’ quasi un anno che hanno cambiato i sensi unici, non puoi non averli ancora imparati!
  • Ehi Amica! Tranquillizzati! Respira, fai una giravolta, falla un’altra volta…
  • Non è il momento di scherzare! Dove diavolo sei???Mi devi portare all’aeroporto!
  • Eh…Guarda che all’aereo mica danno la multa per divieto di sosta, eh! Respira!
  • Amica! Cazzo! E’ mezz’ora che sono per strada! Sembro una sguattera disperata, trolley ed infradito…
  • Si ma anche te…Va bene viaggiare comoda, ma se partivi di notte cosa facevi? Ti presentavi con pigiamone e scaldacollo??
  • Allora! Ti muovi?? ma dove sei? Ma perché? Ma dai… Smettila di farmi ridere!Sono arrabbiata…
  • Ah!si..si…Interessante…Sei arrabbiata, con me…Bene.. Ora, facciamo la conta per vedere in quanto tempo ti passa?!? Oppure mi tieni il muso come facevi prima della Quaresima quando ti rubavo i cioccolatini?
  • Dai! Dove sei? Quanto ti manca? Ma perché ci metti tanto???
  • Allora Amica! Io te lo dico, tu però non ridere…No perché questo è il Karma, anzi dovrei essere più precisa e dire che questo è il Karma bastardo!
    Ti ricordi quando ieri sera si parlava che l’uomo mulatto fa sesso, ha il suo perché insomma, dopo una passata nella doccia per togliere quell’odore di aglio lo faresti passare dalla camera da letto, così giusto per sentirti un po’…come avevi detto?!? “Viva?”
  • Eh sì, ma cosa c’entra con il tuo ritardo? Oddio! Non mi dire che…
  • No no…Un cazzo di mulatto di merda è davanti a me… Sembra che abbia una macchina a pedali, ha in mano un sigaro, perché pacifico lui se la fuma. Dietro ci sono io, dietro con la mia macchina intendo. E tu sei al viva voce. Ora, o mi metto ad urlare e lo insulto, perché cazzo! No, non puoi smontarmi la tesi di ieri sera in un nano secondo. Iper attivi dicevi, eh?? Mi sa che questo l’iper attività l’ha lasciata a casa oggi. No Amica! Questo è peggio di un nonno con il cappello e mani a dieci e dieci sul volante! Non puoi capire!
  • Ti vedo. Anzi vi vedo. Aspetta! Ma è il mio vicino…E’… No va beh. Non pensavo che a guidare fosse così disagiato.
  • Dai Amica. Sali. Lasciamo perdere. Che è meglio…
  • Ma…
  • Zitta!Non parlare. Ti prego…Oppure potrò usare le tue parole contro di te appena mi si presenterà l’occasione…