CHE POI BOH

auto-3236000_960_720

Succede che.

A volte.

Non sempre, eh! Insomma, succede che pensi di aver conosciuto il peggio.

E poi no, in un attimo ti accorgi che no, al peggio non c’è mai fine.

Pensavo d’aver viso tutto con il vecchietto con il cappello alla guida di un’utilitaria qualsiasi, mi sbagliavo.

Ieri ho avuto un incontro non troppo ravvicinato (grazie sesto senso) con una simpaticissima anziana alla guida.

Lei: Sedile ribassato, schiena dritta contro ogni previsione, mani fisse sul volante a 10:10, occhiali con catenella incorporata, capelli di un grigio brillante cotonati anni ’80.

E poi c’ero io.

Ringrazio il nipote della nonnetta in questione per averle fatto uno scherzo definito “da bastardello”, credo che abbia abbondato con il bostik sul pedale del freno, non mi spiego l’andatura altrimenti.

E niente.

La nonnetta esce dritta dallo stop. Suonando il clacson, perché sia chiaro, aveva ragione, o forse solo fretta, spero che dovesse espletare una funzione corporale urgente, diversamente non me lo spiego.
Io resto ferma al mio “dare precedenza”, immetto la prima, ma no non parto, perché una sentinella mi dice che la nonnetta di botto inchioda. Ed ecco che le mie previsioni s’avverano.

Io guardo la scena, attendo che la protagonista in questione ricominci la marcia.

Pensavo che fosse il nonno con il cappello il peggio del peggio e invece no.

Perché la nonnetta alla guida non è l’unico esemplare da panico paura incontrato. NO.

C’è anche lei, in questi ultimi giorni di pioggia ho avuto modo di vedere altre tipologie di soggetti.

La donna, di mezza età in bicicletta, con l’ombrello, le borse della spesa e il cappotto lungo. Quel tipo di cappotto che rischia di entrare nelle ruote ad ogni pedalata.
Quel genere di persona in bilico sulla bicicletta, che tocca con le punte, che vuole fare quella giovane, che non ha più i riflessi di un tempo, ma che non lo puoi neanche lontanamente annunciare. Ecco quella.

Te la trovi a fianco allo stop, aspetti che lei vada, le dai un esiguo vantaggio, non lo fai per un senso civico estremamente sviluppato, ma semplicemente perché non hai voglia di vedere sangue schizzare dappertutto.

Eh niente.

Adesso, ho visto tutto?