PASSA OLTRE

smiley-154964_960_720.png

Sorridi e passa oltre.

Ieri sera parlavo con mia mamma.

Si parlava di una conoscenza comune che fuorché minchiate non fa.

Ma proprio una dietro l’altra, eh?

Hai presente quelle persone che si credono furbe, ma che furbe non sono? Ecco. É una persona così.

Ti si avvicina per convenienza, sua. Ti intorta, facendoti pensare che la convenienza sia la tua, ma tu lo conosci, sorridi e sfanculizzi.

Ecco.

Parlavamo della reazione.

La diversa reazione avuta da me, e quella avuta da lei.

Ha chiesto ad entrambe la stessa cosa. In due momenti diversi. Due giorni diversi.

Forse vive con la convinzione che io e lei, nonostante viviamo nella stessa casa, non ci rivolgiamo la parola.

O forse ha analizzato tutti i possibili scenari tralasciando quest’insignificante, piccolo dettaglio.

Lei ha risposto con un “No.” Senza giustificare, senza aggiungere una sola sillaba.

Io invece, perché sono bastarda dentro e bastarda fino in fondo, ho iniziato a fare mille domande, mi sono dimostrata interessata per poi alla fine rispondere:

“Mi faccio viva io.”

E lui ” Ma dici sempre così… E poi non ti fai viva mai…”

“Hai ragione, non ti sei mai fatto due domande? Se vuoi t’aiuto con le risposte…”

“La solita stronza e senza cuore.”

Ehigggente! A me piace rispondere così.

Io sono una persona diretta a modo mio.

Mi piace rispondere ma solo dopo aver fatto sì che il mio interlocutore capisca BENE cosa voglio dire.

Non sono una maestra, ma adoro giocare con le parole, SEMPRE.

E l’ho fatto anche con questa persona.

E niente. Oggi sono così. Stronza nell’anima.