ALLA FINE L’HO LETTO.

la-sottile-arte-di-fare-quello-che-c-o-ti-pare

Alla fine l’ho letto, l’ho scelto e sono arrivata fino in fondo.

E’ un libro leggero, anzi no, è un libro profondo, no, sto ancora sbagliando, la definizione più corretta è:

” E’ un libro a tratti profondo a tratti no. E con no, non voglio dire scontato o superficiale, semplicemente leggero, a volte.”

E’ una questione di punti di vista.

Nella vita ci sono dei segni, che ci crediate o no, che ci dicono quale strada seguire, che ci fanno capire quanto siamo unici nelle nostre diversità.

Sembrano cazzate (lo vedi che è leggero?!?). Sono cose fondate (lo vedi che è profondo?!?).

Questo libro m’ha lasciata così: “Eh, quindi?”

Quindi niente. La parola Fine non è ancora stata scritta, e per inciso non sarò io a scriverla, o almeno non intenzionalmente, credo, certo ho dei valori che forse non sono fondati per tutti, ma per me lo sono.

Disorientata.

Questo libro m’ha lasciato così.

Una cosa è certa, una cosa l’ho capita.

E’ sempre una questione di punti di vista, a prescindere da quale sia il tuo, devi fare una cosa, importi su te stesso, crearti dei valori e perseguirli, forse allora, avrai un significato in mano, qualcosa di sostanzioso seppur non tangibile.

Oggi va così.

 

Pubblicità