LOSER

chess-1742720_960_720

Ho un problema,non sono capace a perdere.

Attenzione, non voglio peccare di presunzione ed essere definita una vincente, oddio,dovesse sfuggire questa osservazione non mi tirerei indietro ma.

Eccoci, al ma.

Io non gioco.

In senso lato, sia chiaro, spesso non gioco perché io non voglio perdere.

Quel senso di sconfitta mi attanaglia e a me non piace.

Che poi.

Vengo accusata di non saper giocare, ma il problema, se così lo si vuole definire è che non mi piace perdere, e questo non è direttamente proporzionale al fatto di saper o non saper giocare.

A me non piace perdere e basta.

E quindi non gioco.

Lo faccio spesso, io sono una di quelle persone che quando arriva la palla la schivano, e non perché io non voglia giocare, semplicemente perché a me non piace perdere.

Io non gioco, così risolvo il problema alla fonte.

Io osservo,così posso imparare, a giocare, il giorno che imparerò a perdere.

Del resto pare che il mestiere si rubi prima di tutto con gli occhi, giusto?

Io non gioco, a me non piace perdere.

Io osservo, a me non piace perdere.

Io imparo, e ti batto, il giorno in cui mi stancherò di sentirmi dire che sono una perdente.

Chiaro il messaggio?!?