MARE

ducks-1980180_960_720

Cos’hai fatto lo scorso fine settimana? Io, sono andata al mare, a pattinare.

Si, hai letto bene.

No, non ho super poteri per poter pattinare sull’acqua, ancora non ho sviluppato queste caratteristiche, ma si, sono andata al mare perché volevo cambiare il panorama e pattinare.

Che poi.

Sembro scema, ma in realtà non è così… Prova a pensare. Su quasi tutte le nostre spiagge ci sono delle bellissime passeggiate che volendo si possono fare con i pattini, certo… Bambini permettendo, ciclisti permettendo, risciò permettendo, turisti permettendo.

Insomma, o ti sbizzarrisci all’alba quando il mondo dorme e l’unico traffico è rappresentato da qualche pescatore che torna a riva oppure vai al mare dove sai per certo che c’è una pista ciclabile e riduci drasticamente la percentuale d’incidenti.

No perché.

Scontrarti con un moccioso non è simpatico per nessuno dei due, ma vuoi mettere scontrarti con un risciò con a bordo quattro persone, magari adulte? Ora, l’impatto è molto ma molto più, quale aggettivo usare? Diciamo… Fastidioso. Ecco.

Succede anche questo.

A me non è successo, eh! Era solo un’elucubrazione mentale, io mi sono divertita tanto, si certo, a parte quando pattinavo contro vento, a parte quando mi sono trovata a fare una discesa senza riuscire a frenare con una persona a carico, a parte quando l’asfalto, forse dovuto alle intemperie, alla salsedine, alla non cura era rovinato e di difficile scorrimento, ma tutto sommato è stato bello lo stesso.

Sono stata bene.

Mi sono abbronzata, il colore cadavere lo lascio all’inverno che no. Pare che qui si sia abilmente ancorato al paesaggio. Ma io no, io reagisco. E niente.
Penso al prossimo week end rotelloso che spero arrivi presto.

 

 

Annunci