MAI FARSI SOPRAFFARE DALLA RABBIA!

milk-2164689_960_720

Dai, forza! Non è un inno alla lotta.

Non è da me incitare la folla alla rivolta, anche perché se ben ci pensi, io sono la prima che resta comodamente stravaccata sul divano.

Arriviamo subito al punto.

La notizia è:

Distributori automaticiuccidono dalle 10 alle 13 persone. Si rovesciano, semplicemente, e schiacciano il consumatore.”
Fonte: www.nextme.it
Fonte 2: K! (come segnalatore della pagina)

Insomma.

Quante volte presi dall’acquolina ci siamo inverminati davanti alla merendina che impassibile resta incastrata tra un piano e l’altro non curante delle nostre imprecazioni e del nostro evidente disagio?

Cosa fare?

Rinunciare alla merendina? Giammai! Ed allora eccoci che iniziamo a considerare la macchinetta come il nostro peggior nemico, iniziamo ad inimicarci parenti, conoscenti e colleghi, esatto!, perché la maggior parte delle volte queste dannate macchinette le trovi in locali pubblici dove dovresti, e sì il condizionale è d’obbligo, mantenere un certo aplomb che…perdi!

Ed allora ecco che il nonnino nella sala d’attesa dell’ospedale ti guarda male e si chiede perché lui è ricoverato lì e tu no, non ancora almeno.

Ed allora ecco che il collega che non ti sopporta ti guarda con aria d’ammirazione ed attende trepidante l’arrivo del big boss così da poter mostrare al superiore il tuo vero modo d’essere.

Disagio.

Queste merendine incastrate nelle macchinette creano profondo disagio.

Inizi a prenderle a calci, dai delle sonore battute di cinque sulla fiancata semplicemente per provare a far scendere quella cazzo di merendina di merda! E niente, l’oggetto del desiderio resta incastrato, manco pe’ lu cazzo si smuove!

Tu sbraiti, salti, ti trasformi in un Hulk dei poveri ed ecco che taaac.

Se hai il karma contro la macchinetta aumenta il numero della notizia di poco fa.

E niente.

Tutto questo per dire, ci vuole culo, ragà! Ce vuole culo…

Annunci

Informazioni su Marta

Impiegata per dovere sognatrice per passione
Questa voce è stata pubblicata in CURIOSITA' e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

5 risposte a MAI FARSI SOPRAFFARE DALLA RABBIA!

  1. Karma???????io divento una iena!

    Liked by 1 persona

  2. delfilalu ha detto:

    Questo tuo racconto mi ricorda quando ,ricoverata per errore in un reparto psichiatrico,per una malattia che ,in realta’, non ho mai avuto,mi ero coalizzata assieme ad alcuni miei compagni di sventura,contro la macchinetta delle bevande calde(caffe’cappuccino latte caldo cioccolata the’) che all’epoca richiedeva 35 centesimi a bevanda …ma che non accendando i 5centesimi e non essendo una macchinetta che dava resto ci costringeva a mettere 40 centesimi ogni volta perdendoci 5 centesimi….Tanto noi eravamo malati mentali e quindi nessuno ci avrebbe badato e se avessimo protestato avrebbero detto che ci stavamo inventando le cose…Ah si …?Siccome la macchinetta non dava resto ma accumulava i soldi lasciati dentro noi malati ci colizzammo per bere le bevande in coppia.Invece di dover mettere 4o centesimi per un caffe’ ne metevano 70e clickando 2 bevande eravamo riusciti a fregare in un colpo solo e le macchinette mangiasoldi e chi le aveva tarate cosi per fregarci…Ahahah ciapala…alla faccia dei malati di mente….

    Liked by 1 persona

  3. kikkakonekka ha detto:

    Il problema è che questi cattivi distributori automatici, se non riescono ad ucciderti al primo colpo, poi ti rincorrono.

    Liked by 1 persona

  4. fulvialuna1 ha detto:

    Per le macchinette? ce vole per tutto… ai tempi d’oggi specialmente.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...