IL TOPO SQUITTISCE

sunset-50494_960_720.jpg

Sarà anche bella questa globalizzazione.

Saremo anche i figli del futuro, ma a me certe situazioni lasciano un poco sconvolta, poi mi riprendo eh, ma il momento in cui assimilo l’informazione e quella in cui la elaboro ha un non so che di onirico.

Mi spiego meglio.

Io al lavoro ci vado in macchina, lavoro a dieci minuti (a piedi) da casa, ma ci vado in macchina, perché si, non è questo il problema.

Parcheggio un po’ lontanino così faccio un po’ di movimento ma.

Ma.

C’è un ma, grande come una casa, e non intendo una casa di adesso, una prefabbricata che in venti metri quadrati hai tutto il necessaire, intendo una casa vera, una di quelle che se scegli di avere ospiti non devi uscire tu per far entrare loro, uno alla volta si intende, suvvia, un settanta metri quadri calpestabili.

Ecco.

Dicevo.

Per strada incontro un fottio di popolazione, e no, potrei scommetterci lo stipendio (magari non il mio) che non c’è mezzo italiano.

Ieri.

Ieri mattina, che già dire io e mattina è un problema, perché non sempre il diesel parte, comunque, ieri mattina mi è successa questa cosa.

Dopo aver parcheggiato, con il nervo scoperto per via di quelle simpaticissime mamme che accompagnano il figliol prodigo direttamente in classe, in macchina intendo, ecco che un mulatto (si dice così?), non era proprio nero, era marroncino chiaro, con sguardo seducente, almeno credo che volesse fare questo sguardo, mi dice, o meglio, parla e guarda me:

“Ciao Bela.”

Ora.

Di insulti ne ho ricevuti tanti, altri ne riceverò, ma pecora di prima mattina ancora nessuno me l’aveva detto.

Ora.

Considerando che il nervo era già scoperto, ecco che mi giro, con un agile scatto che neanche un gatto in caduta libera dal settimo piano…comunque mi giro e gli dico:

“Pecora?!? A me?!? Ma vaffanculo va!”

Niente.

Potevo essere molto più colorita.

Potevo essere molto più originale.

Ma è mattina e niente, non sono ancora completamente attiva.

La collega che ha assistito alla scena dalla porta dell’ ufficio mi dice che lui povero, mi stava facendo un complimento.

Eh no.

L’ho capito dopo.

Ora.

A me questi atteggiamenti danno fastidio.

A me queste cose mi irritano, ecco che mi sono fermata a pensare che no, il rispetto dovrebbe essere internazionale e non intendo il rispetto per il popolo, intendo proprio il rispetto della persona.

Insomma, non è che mi puoi dare della pecora così aggratis! No?

Annunci

47 pensieri su “IL TOPO SQUITTISCE

  1. CriticaComunista ha detto:

    ti stava dicendo “bella” e non bela inteso come il verso della pecora
    ci sono lingue in cui quando provi a parlare in italiano (che è difficile la nostra lingua), non senti poi le doppie 😀
    penso tu abbia capito male…i complimenti non sono mai invadenti, almeno la penso così
    tante volte mi sento dire “ciao belo” da amici o persone che incontro…è educazione 😀
    poi boh…ciao 🙂

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...