VM 18

traffic-signs-674624__180.jpg

Che poi questa cosa del limite dell’età qualcuno me la dovrebbe spiegare.

Ora.

Io a diciotto anni avevo già avuto le mie prime esperienze, non che sia una navigata, ma insomma, qualcosa già ne capivo.

E poi ammettiamolo, è nella fase adolescenziale che affrontiamo tutti i misfatti, o almeno la maggior parte, insomma credo che sia proprio il gusto del proibito a portarci a pensare che… Tante cose insomma.

Ora.

C’è una cosa che crescendo mi ha sempre lasciata perplessa.

Sicuramente da domani in poi molte donne ci faranno caso, gli uomini un po’ meno, non perché siano limitati ma, semplicemente perché sono diversi, insomma, vivono e vedono le cose in modo diverso da noi femmine.

Qualche giorno fa mi sono trovata a disquisire su questo argomento con un ragazzo.

Ovviamente il gap generazionale ha il suo perché ma non è tutto.

Insomma, lui ha sette anni in meno di me. Praticamente quando io iniziavo a leggere la prima versione del “piccolo principe” lui mangiava dormiva ed espletava funzioni vitali.

Oddio, non è che sia cambiato molto, in lui intendo.

Ha semplicemente aggiunto la barba, è cresciuto in altezza e cambiato voce.

Ma.

Praticamente si parlava di questa mania della Milf, delle Cougar e via discorrendo.

Ora.

Per quanto io possa essere antica, io per come sono fatta, non riuscirei a frequentare ed intendo una seria frequentazione, un ragazzino di sette anni meno di me.

Metterei la differenza d’età al primo posto, davanti a tutto, prima di tutto.

Insomma, non riesco a capire questa necessità di fare da nave scuola ad uno sbarbatello quando potresti essere sedotta (magari anche non abbandonata) da un uomo della tua età.

Che poi.

Pare che la donna sia sempre una passo più avanti dell’ uomo, intendo dire che, se prendi un uomo ed una donna della stessa età lei dovrebbe (si il condizionale se è stato inventato a qualcosa dovrà pur servire) essere un po’ più sgamata, furba, tagliata (usa l’aggettivo che vuoi).

Insomma.

Già due coscritti hanno parecchie differenze, perché dobbiamo andare a cercare un ragazzo ancora più giovane? Per poi magari lamentarci che è un immaturo?

Io il mondo che mi circonda non è che lo conosco proprio bene.

DI CHE MANIA SEI? – TAG

manie-name-design10.jpg

Grazie mille a Ehipenny  e K! per avermi taggata! 🙂 🙂 🙂

Questo Tag è originalissimo e… dovrò parlarvi delle mie manie.

Non ne ho moltissime o meglio, tendo a stancarmi velocemente e di conseguenza le mie manie durano poco.

Regole:

– Menzionare l’ideatore e chi vi ha nominato EHIPENNY e K!

– Menzionare 3 o più manie

– Nominare 3 blog

Una delle mie manie è assurda, che poi trovami una mania non assurda, ma insomma, siamo fatti così e così ci accettiamo.

Parto.

Una mia mania è quella di tenere le penne nel porta penne con il tappo all’ insù. Vivo costantemente con il terrore che l’ inchiostro fuoriesca dalla penna (a maggior ragione ora che i tappi delle penne sono buchi) e che mi macchino tutto il porta penne rigorosamente di cartone.

Ecco.

Un’altra mia mania è quella di contare i pali della luce mentre in macchina la sera torno a casa. Si, lo so, sono sempre gli stessi, non li possono sostituire da un giorno all’altro, ma sono fatta così. Tempo zero, il giusto necessario per mettere la macchina in garage e mi sono dimenticata il numero, perfettamente conscia che il giorno successivo compirò la stessa azione resto con il cuore in pace e la memoria a….

Sono abbastanza rispettosa dell’ ambiente, ed ora mi dirai, si ok, ma cosa c’entra.
Te lo spiego. Tutte le sere prima di uscire dall’ ufficio spengo i led di mouse, tastiera e video. Mi da un fastidio vederli accese che neanche immagini. Non lo faccio a casa, perché dopo aver cercato per quasi un mese il tasto per spegnere il led del televisore mi sono arresa ed ho letto le istruzioni, ecco, questo tasto non è previsto, e quindi niente, mi sono dovuta arrendere alla sovranità della tecnologia, fino a quando anche questo televisore non si schianterà sul pavimento e… al prossimo sarà dettaglio necessario nella scelta dell’acquisto.

Ora le nomine…

 

LIBRI DA LEGGERE IN AUTUNNO, BOOK TAG

Grazie mille a VIOLA per avermi taggata.

Se avete voglia di vedere foro spettacolari, fate un giro nel suo blog, alcune sono spettacolari, altre semplicemente belle.

Questa è la copertina del suo libro, lascio a voi il giudizio, ma non tarderete ad essere d’accordo con me…

copertina.png

Beh basta perderci in chiacchiere…

Svolgimento TAG.

non-puoi-comprare-la-felicitc3a0-ma-puoi-comprare-dama.png

Elenca dieci libri che ti sono rimasti dentro , non metterci più di una manciata di minuti e non pensarci troppo non devono essere capolavori o libri ” giusti ” . Solo quelli che ti hanno colpito e tagga dieci amici e amiche blogger che amano leggere .

Tra i libri che mi sono rimasti dentro non posso non mettere il mio di libro, perché si, è una parte di me.

51bvxXBq0hL._SX311_BO1,204,203,200_.jpg

Seguono per insegnamenti di vita

cop.jpg cop (1).jpg cop (2).jpg

cop-39788807031885_quarta-1 9788868930417.jpg

il-centenario-che-salto-la-finestra-e-scomparve.jpg 9-giorni.jpg follemente-felice.jpg

I libri che ho scelto sono un turbinio di emozioni.

C’è di tutto.

Vanno bene in tutte le stagioni e riescono a strapparti un sorriso, una lacrima, un po’ d’ansia… Un po’ di tutto insomma.
Ne avete letto qualcuno?Sensazioni?

I blogger che nomino sono:

 

A.A.A. CERCASI COLLABORAZIONE

Ciao!

No, tranquilla non è una spam e tanto meno una promessa di un lavoro super redditizio con sforzo pari a zero.

Qualche giorno fa scrissi un articolo in cui raccontavo un mio sogno nel cassetto.

Tranquillo/a, non ti tedierò con pensieri trascendentali ne tanto meno ti chiederò di compiere alcuno sforzo, oltre a quello di leggere, se ti va, ma se lo fai per piacere non è uno sforzo.

Dicevo.

Mi piacerebbe ricevere delle lettere e creare una nuova rubrica denominata “la posta del cuore”.

Mi piacerebbe creare una nuova sezione del blog ed interagire rispondendo alle tue domande in tema amoroso.

Dovresti sapere che in fatto di catalogare, ma soprattutto collezionare soggetti difficili sono una quasi campionessa, insomma, mi contendo il titolo, ma è un vincere facile.

Quindi, mi sono detta, perché non farsi una risata cercando di analizzare nel modo più ironico possibile il problema in questione? Se vorrai manterrò l’anonimato, il tuo, non il mio.

Se ti piacerebbe mettermi in difficoltà e sottopormi un problema di cuore il mio indirizzo mail è martavitali@live.it

Per te, blogger che mi leggi ma non hai validi motivi per partecipare, se ti va puoi spargere la notizia esattamente come hai buttato il riso all’ultimo matrimonio?

Grazie.

TAG: LE VOSTRE PASSIONI

Regole:

1 – Utilizzare l’immagine del TAG

2 – Parlare di almeno cinque passioni che abbiamo, liberamente

3 – Nominare otto persone che ci seguono e/o che seguiamo noi

4 – Nominare due persone che non ci seguono e/o che non seguiamo noi

5 – Nominare l’ideatore del Tag Capellichepassione e chi ti ha nominato: Paola

Grazie mille per avermi pensata Paola! 🙂 🙂 🙂

images-71.jpg

 

Le mie passioni…

Oddio.

Dipende dalla stagione, se è Primavera al primo posto metto il giardinaggio, se è inverno al primo metto la lettura.

Nelle altre stagioni le due attività vanno di pari passo, ma no, non ci sono solo loro.

Ora, se segui il mio blog ti sarai accorto che ho perso il filtro cervello bocca, di conseguenza faccio quello che mi viene in mente esattamente come dico quello che penso.

Ecco perché amo leggere.

Amo imparare nuove parole da usare poi in situazioni adatte ma anche no. Spesso parlo a sproposito, ma quello che conta è parlare e fare esperienza, solo così imparerò prima o poi a dire le cose giuste nel momento giusto, è una questione di tempistiche, sbagliate per adesso.

Quando arriva l’estate inizio a pattinare. Oddio, è poco meno di un anno che ho ricominciato, ma in ogni caso è bello, mi diverto e faccio sport, ogni tanto tuffi carpiati sul pavimento, a volte salti che sono tali solo nella mia testa, ma tutto sommato vado avanti ed imparo.

Scrivo. Scrivo tanto, scrivo di tutto, non scrivo a caso.
Mi sono accorta che spesso, le mie dita premono i tasti sul computer e formano parole e frasi di senso compiuto che solo a distanza di un paio di riletture riesco a vedere con altri occhi, insomma, il mio inconscio lavora da se. Chissà.

Sta arrivando il momento che io AMO. SI, in maiuscolo. A breve si inizierà a produrre nella pasticceria di famiglia i panettoni, veneziane and Co. Insomma, inizio a mangiare più del previsto, che poi per me ogni scusa è buona per assaggiare, gustare, produrre.
Si, perché mi diletto in decorazioni in pasta di zucchero e produzione di biscotti speziati, i miei preferiti, dal gusto forte e delicato allo stesso tempo, ma evito di affamarvi e continuo con il tag.

Nomino.