DIFFICILE

In questi giorni sono stata assente.

Sospesa.

Come in una bolla, non sapevo cosa dove e perché di tutto ciò che mi circondava e mi circonda.

Sono arrivata alla conclusione che

L’uomo è potente, ma la natura è DEVASTANTE.

Credo che dobbiamo smettere di piangere e disperarci su errori commessi, dobbiamo affrontare la vita per quello che è.

Raccogliere insegnamenti ed imparare da chi sta soffrendo veramente per capire cosa e come dobbiamo e possiamo andare avanti.

Facile sbraitare per il tram che è passato un minuto prima.

Facile lamentarsi per la coda infinita al supermercato.

Facile essere infelici.

Poi una notte qualunque il mondo ti cade addosso, ed allora capisco cosa dove e perché.

Forse non lo capisci, ma sicuramente impari a vivere in un modo diverso, così di botto, da un momento all’ altro ti ritrovi o dentro o fuori, non hai scelta, non sei tu a dover e poter scegliere.

E’ la natura.

E noi la natura la dobbiamo rispettare, perché io ho capito che siamo ospiti, non padroni.