PIZZA TAG

pizzac.png

Iniziamo con le le regole:

  • Usare l’immagine originale del Tag: FATTO
  • Citarne l’ideatore Niente Panico e ringraziare chi vi ha nominato NEOGRIGIO
  • Raccontare che pizza scegliete, il perché, come la mangi e l’intreccio con la tua personalità.
  • Taggare altri blogger OK….

 

Questo mi da l’ idea di essere un TAG molto popolare, più di una volta mi sono persa tra le parole scritte da altri blogger.

Ora è il mio turno.

Ora sono io che devo dire quale pizza scelgo e spiegare perché non ne vado matta, si, lo so di essere contro corrente, ma cosa ci posso fare?

Anticipo che l’ unica pasta della pizza che mangio è quella fatta da mio papà, con la pasta del pane, e già qui, si potrebbe aprire un mondo.

Poi, sono insofferente ( si! é la parola giusta!) al pomodoro, mi piace, ma non lo mangio, perché non mi piacciono i semini e la pelle, non dirmi:”Ma nella passata non c’è!” perché io l’ ho trovato ed essendo un “problema” di testa trovo pelle e semi dappertutto.

Quindi per me la pizza dev’ essere bianca.

La pizza dev’essere asciutta, quindi bandita anche la mozzarella che “fa acqua”… sono schizzinosa sul cibo…

Anche i sottaceti non mi piacciono, preferisco mangiare ciò che capisco cos’è, quindi non sono fatta per quelle pizze tutte farcite che non si vedono nemmeno i colori.

Ecco sono una (scusate il francesismo) “CAGACAZZO”

Per me la pizza ideale è:

  • pasta del pane
  • mozzarella (asciutta)
  • prosciutto cotto

Diverso è se sono in Spagna, là adoro mangiare la pizza panna e ananas o panna e salmone.

Non chedermi il perché ma funziona così.

Ovviamente il pomodoro resta bandito, al ristorante o in pizzeria dico di essere “altamente allergica” così non corro il rischio di vederne una goccia sul mio pasto.

Quindi.

Come collegare questo alla mia personalità?

Beh! Semplice! Se mi fai viaggiare riesco ad essere molto ma molto più aperta alle novità, se invece devo sottostare alla monotonia, beh! Mi mangio un piatto di spaghetti…

E ora… le nomine…

Dunque, lascio liberi voi che leggete di autotaggarvi, perché molti di voi hanno già fatto questo TAG (forse l’ho già detto…)

 

THE QUEEN DAY

olanda.jpg

Immagini presa dal web

Per me questa giornata è la giornata dei tulipani.

Negli anni ricordo di aver visto in televisione fior fior di documentari con tulipani in fore di ogni colore e sfumatura per omaggiare la regina.

Oggi, in Olanda si festeggia il Koninginnedag, che tradotto significa “giorno della regina“.

E’ la festa nazionale dei paesi Bassi, ma a differenza della nostra festa nazionale non sono bandiere arancioni a fare da sfondo a questa giornata ma bensì fiori, di ogni specie e grandezza, in prevalenza arancioni perché questo è il colore della nazione.

La storia di questa manifestazione narra che nasce alla fine del XIX secolo, quando i liberali decisero di festeggiare il compleanno della principessa Guglielmina, in segno di unità del Paese. Il “giorno della principessa” poi mutato in “della regina” (alla salita al trono di Guglielmina), coincideva con il 31 agosto e solo dopo l’ascesa al trono della figlia Giuliana, nel 1948, fu spostato al 30 aprile, in coincidenza con il compleanno della sovrana di allora. Si decise di conservare tale data anche dopo l’incoronazione di Beatrice (ultima regina d’Olanda, prima dell’ascesa al trono del figlio Guglielmo-Alessandro nel 2013). Per i cittadini questo è l’unico momento dell’anno in cui è possibile vendere merci per strada senza alcuna autorizzazione; ciò dà vita a numerosi e variopinti mercatini delle pulci. L’arancione, colore tradizionale della monarchia, i tulipani e il tricolore nazionale (rosso, bianco e blu)
Con la salita al trono di Guglielmo Alessandro, dal 2014 si festeggia il Koningsdag (giorno del re) che cade il 27 aprile, giorno del compleanno del nuovo sovrano.