POSACENERE PORTATILE

Spesso mi trovo a postare articoli utili al mantenimento del pianeta, al recupero della spazzatura, alla pulizia ed al senso civico. Ma.

Ma, io, in prima persona cosa faccio per evitare che le future generazioni conoscano la bellezza di un prato verde e della natura?

Quella vera eh! Non quella ricostruita in laboratorio dove si creano piante miscelando i pistilli e nascono fiori geneticamente modificati.

Intendo lo stupore nel contare i petali della margherita, giocare e correre raccogliendo i soffioni…

Io sono una fumatrice, anche se sto pensando di smettere, io il mozzicone lo butto a terra.

E’ vero, sono un’ incivile, lo faccio per comodità, lo faccio perché nelle mie zone i cestini della spazzatura non hanno quell’ affare che trovi fuori dal centro commerciale per spegnere le sigarette, lo faccio perché sono una maleducata e non ci sono scuse.

Il primo passo per accorgersi dei propri errori è riconoscerli, giusto?

Bene, ora me ne sono resa conto, quindi ho deciso di comprare un posacenere portatile, si lo so! Non li hanno inventati oggi, esistono da un po’, ma io, solamente adesso mi sto rendendo conto che anche io, piccolo essere umano posso fare qualcosa.

Non l’ ho comprato per sentirmi dire brava, per dare il buon esempio, o chissà per quale altro senso civico.

L’ ho preso perché mi sono stancata di gettare a terra il mozzicone sapendo che è sbagliato.

Forse nel mio subconscio questo è il primo passo per smettere di fumare, non lo so, non ne sono ancora convinta al cento per cento. Per adesso l’ unica svolta è quella di usare il posacenere portatile che mi sono comprata.