PANE E VOCABOLARIO

Questa mattina mi sono svegliata così, mi capita ogni tanto.

dizionario2

Immagine presa dal web

Nella tratta casa lavoro, rigorosamente con la Claio e vista la stagione completamente bardata con mezzo armadio mi ritrovo a riflettere, in attesa che la gentilissima mamma davanti a me scarichi tutta la squadra di calcio che si ritrova in macchina e consegni ognuno al docente di riferimento, sul fatto che esistono parole che raramente utilizzo.

Strano eh?!? Spesso nel linguaggio parlato, con un interlocutore fisico oppure con me medesima, mi ritrovo a non utilizzare vocaboli appropriati per cedere a parole molto più comuni e di più facile comprensione.
Spesso, mi capita di utilizzare un linguaggio forbito quando sono arrabbiata e non connetto, ed altrettanto spesso mi stupisco quando terze persone usano con me un linguaggio che credono complicato solo per indurmi in inganno, solo per spostare la concentrazione sul significato di questa o quella parola piuttosto che sul concetto che stanno esprimendo.
Ovviamente, mi rendo conto solo dopo che la discussione è finita di tutti questi dettagli, ovviamente io uso un linguaggio ricco di aggettivi e sinonimi quando devo insultare qualcuno e lo faccio con una motivazione ben precisa.
Preferisco insultare lasciando all’ interlocutore l’ illusione che qualcosa di buono venga pronunciato da me piuttosto che spiattellare chiaramente il mio pensiero.
Mi diverto ad interagire con persone che prima di capire cosa ho detto stanno ancora pensando a “ma ce l’ ha con me?!?”
“Certo che ce l’ho con te! Sono arrivata alla fine del mio pensiero, ho scritto un articolo con il mio nuovo smartphone con la tastiera di ultima generazione che per usare ho dovuto leggermi tutto il bugiardino

, adesso in macchina, sono riuscita a pensare e scrivere uno sproloquio solitario, e tu??? Stai ancora scaricando l’ ultimo, o forse no, pargolo in mezzo alla strada in fila indiana, va bene che sei sulle strisce pedonali, ma non ci devi fare un pic nic. Devi muoverti perché io e le cinquecento macchine non troppo pazienti dietro di me dobbiamo fare qualcosa.”
Chiaro il concetto???
Pare di no.
Ora non mi resta che pubblicare questo articolo, e pensare al prossimo, prendendo spunto ancora una volta dal mondo che mi circonda, come nei migliori dei casi di Serendipità.

  • BARDATAbardare v. tr. [der. di barda]. – Munire un cavallo di barda o bardatura, mettergli i finimenti. Per estens., guarnire in genere; rifl., scherz., mettersi indosso abiti e ornamenti vistosi: come ti sei bardato! Nel linguaggio di cucina, avvolgere in fette di lardo, pancetta o prosciutto, la carne da cuocere. ◆ Part. pass. bardato, anche come agg.: cavallo riccamente bardato; in araldica, attributo del cavallo rivestito di bardatura di smalto diverso.
  • DOCENTEdocènte agg. e s. m. e f. [dal lat. docensentis, part. pres. di docere «insegnare»]. – 1. agg.

    a. Che insegna: il corpo d. della scuola; il personale d. delle università; il personale non d., nei varî ordini di scuole, i dipendenti che hanno cómpiti diversi da quelli dell’insegnamento (cioè segretarî, bidelli, tecnici di laboratorio, ecc.); Chiesa d., la Chiesa in quanto esercita il suo magistero, e particolarmente la gerarchia (opposto a Chiesa discente).

  • INTERLOCUTORE: s. m. (f. –trice) [der. del lat. interlŏqui «interloquire», part. pass. interlocutus]. – La persona con cui si parla:rivolgersi al proprio i.; interrompere il proprio interlocutore. In senso più ampio, chi prende parte a un dialogo, a una conversazione, a una discussione: questa scena si svolge tra due soli i.; Alcibiade è uno degli i. del «Simposio» di Platone; o chi costituisce la controparte di una trattativa di carattere politico, sindacale e sim.; o, con sign. meno definito, chi rappresenta il destinatario e partecipe, anche soltanto ideale (e spesso muto), di un dialogo, di un messaggio, e sim.

  • FORBITO1. Nitido, terso: le treccie bionde, Ch’oro f. e perle Eran quel dì a vederle (Petrarca).
    2. fig. Curato, raffinato, elegante: stile, linguaggio f.; un discorso forbito. Di persona, che parla o scrive con accuratezza formale: essere f. nel parlare, nello scrivere; con altro senso, che ha o ostenta modi garbati, compìto, educato: egli non è alcun sì f., al quale io non ardisca di dire ciò che bisogna (Boccaccio). ◆ Avv. forbitaménte, con forbitezza, con accuratezza ed eleganza formale: parlare, scrivere, esprimersi forbitamente.

  • SPROLOQUIOsprolòquio s. m. [der. del lat. proloquium «esordio, introduzione» (der. di prolŏqui «dire prima, annunciare», comp. di pro«avanti, prima» e loqui «parlare»), col pref. s- peggiorativo]. – Discorso prolisso, enfatico e inconcludente: fare uno s., degli s.;ascoltava … lo s. del notaio con una punta di fastidio (Jovine).
  • BUGIARDINO: s. m. [dim. di bugiardo], fam. – Foglietto di istruzioni dei medicinali, con allusione scherz. alla loro scarsa attendibilità.
Annunci

Informazioni su Marta

Impiegata per dovere sognatrice per passione
Questa voce è stata pubblicata in PENSIERI e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a PANE E VOCABOLARIO

  1. kikkakonekka ha detto:

    Io mi sono accorto che, scrivendo sul blog, dedico molta attenzione alla forma scritta, ed arricchisco il mio linguaggio con termini che magari, nel linguaggio parlato, utilizzo poco.
    Anche (anzi: soprattutto) leggere gli altri blog, mi arricchisce da questo punto di vista.

    K!

    Liked by 1 persona

  2. Belial (lex89) ha detto:

    Io non sopporto chi usa termini forbiti a caso, solo perché fa figo, non sapendone neanche il significato e mi fanno pure venire i dubbi. Loro non controllano, io apro il dizionario perché penso: “sono io che sbaglio?” e poi scopro che hanno usato la parola nel modo sbagliato.
    Da come scrivi non è di certo il tuo caso, però è un odio profondo verso chi non sa neanche costruire una frase e pretende di usare paroloni.
    Beata te che quando ti arrabbi hai la freddezza di pensare a tali parole e insulti, io non ragiono più xD

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...