LA CRISTOFORO COLOMBO

images

Immagine presa dal web

Si chiama Tori Murden, era il 1999 e 16 anni fa attraversò l’ Atlantico in solitaria a remi.

Mi ricordo il momento in cui sbarcò a Guadalupa, ricordo il ritorno mediatico che le televisioni del mondo le riservarono.

Proprio questa mattina, mi sentivo sopraffatta dalle grane lavorative e da piccoli intoppi che il mio lavoro ti presenta tutti i giorni, proprio questa mattina parlando con una collega dicevo: “Stop! Io mollo e fuggo…”

Certo, come se fosse facile, lasciare tutto e partire con una barca a remi, io che soffro di mal di mare, io che sono logorroica, io che amo la solitudine ma non voglio essere sola.

Probabilmente non sarei capace di fare un viaggio lungo ottantuno giorni in balia di mostri marini vari ed eventuali, balene, cetacei delfini, senza dolcetti e stuzzichini, senza parlare con nessuno, senza confrontarmi, senza arrabbiarmi, senza…

E’ facile dire, mollo tutto, il difficile è farlo.

Tutti almeno una volta nella vita l’ abbiamo detto e poi… ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo affrontato il problema irrisolvibile che avevamo di fronte. Perché poi in fondo, questo è l’ unico modo, i problemi ci sono, se non ci sono ce li inventiamo, il passo successivo è affrontarli e… trarne le dovute conclusioni, archiviare e… avanti il prossimo!

Comunque complimentissimi alla nuova Cristoforo Colombo, non avrà scoperto nessuna terra sconosciuta, ma avrà sicuramente avverato un sogno nel cassetto…

Ecco mi piace pensarla così, ogni problema che risolvo o che insomma, affronto, mi serve o mi servirà per arrivare più vicino al raggiungimento del prossimo sogno del cassetto.

Non mi chiedere qual’ è, perché non ho ancora avuto il tempo materiale per scrivere la scaletta dei desideri, ci riuscirò prima o poi, vedrai!!

 

Annunci

Informazioni su Marta

Impiegata per dovere sognatrice per passione
Questa voce è stata pubblicata in CURIOSITA' e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a LA CRISTOFORO COLOMBO

  1. kikkakonekka ha detto:

    Mollare tutto… facile a dirsi, quai impossibile a farsi.
    Quasi.
    Roberto M., mio ex collega, dopo la morte del padre circa 15 anni fa ha venduto la palazzina di proprietà della famiglia, ragranellando una somma di circa 1 Miliardo (MILIARDO!!!) di Lire.
    Poi si è licenziato, ha convinto la fidanzata a fare altrettanto, e sono andati a vivere in Madagascar dove hanno aperto uno scuba diving school.
    Questo vuol dire mollare tutto! Ha mollato anche la figlia, avuta da un precedente matrimonio, ma ormai maggiorenne ed autonoma.
    E’ tornato in Italia 2 anni fa, in seguito ad alcuni scricchiolii politici della nazione africana.
    Ha aperto una scuola sub (ancora!) in Sardegna, dove vive per 6 mesi all’anno.
    Gli altri 6 mesi sta nella nostra Padova, e ogni tanto ci viene a trovare.
    Abbronzatissimo.
    Ciao!

    K!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...